Google deve spostare la piattaforma misteriosa da San Francisco

(TMNews) Negli scorsi mesi si erano rincorse voci e congetture dopo che Google aveva messo nella baia di San Francisco e a Portland, Maine, due misteriose piattaforme. Poco dopo il gruppo di Mountain View aveva detto di voler usare le chiatte come “centri di formazione interattivi”. Adesso le autorità californiane hanno chiesto al colosso di spostare la struttura a causa di un errore nelle procedure di richiesta di un’autorizzazione.

Il direttore della commissione che si occupa di conservazione e sviluppo della baia di San Francisco ha detto di non aver concesso alcuna autorizzazione a Google e ancora di aver ricevuto decine di proteste sulla questione. Le autorità hanno ricordato che la piattaforma è ormeggiata nell’area della Treasure Island e che deve essere spostata in un luogo in cui può sostare. Il colosso ha dichiarato di aver ricevuto una lettera dalle autorità e che sta revisionandolo. (TMNews, 4 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione

Selfie mortali, dal 2011 al 2017 259 decessi legati alla ricerca dello scatto perfetto