Yahoo! trasloca in Irlanda, cambiano le condizioni di privacy

(AGI) Yahoo! abbandona l’Italia e trasloca in Irlanda e per gli utenti della penisola cambiano le condizioni di privacy. A partire dal prossimo 21 marzo Yahoo! Italia Srl verra’ infatti chiusa e i suoi servizi continueranno a essere forniti dalla societa’ irlandese Yahoo! Emea Limited. Lo annuncia la stessa societa’ in un’email spedita agli utenti. Se l’utente continuera’ a utilizzare i servizi di Yahoo! Il contratto verra’ trasferito da Yahoo! Italia Slr a Yahoo! Emea Limited, il che implica l’accettazione di modifiche delle condizioni generali per l’utilizzo del servizio e della politica sulla privacy. L’utente che non intenda accettare le modifiche, e’ tenuto a chiudere il suo account prima del 21 marzo.

Il trasferimento, che si inserisce nel piu’ generale consolidamento delle operazioni europee di Yahoo!, comporta pertanto che tutti i servizi internet di Yahoo! (Yahoo Mail, Yahoo Messenger, Flickr, Yahoo Answers, Yahoo Toolbar, Yahoo Mappe) verranno prestati secondo la legge irlandese. “Al fine di promuovere una maggiore collaborazione e innovazione, stiamo aumentando il nostro organico a Dublino, continuando cosi’ a concentrare piu’ ‘Yahoos’ in mendo sedi”, si legge nel testo dell’email. “La principale modifica consiste nel fatto che Yahoo Emea, in qualita’ di nuovo fornitore dei servizi per i nostri utenti europei, sostituira’ Yahoo! Italia Srl come titolare del trattamento dei dati, responsabile della gestione e delle tue informazioni personali. Yahoo Emea rispettera’ le normative irlandesi in materia di privacy e tutela dei dati personali, basate sulla Direttiva europea per la protezione dei dati personali”. L’aspetto e la funzionalita’ dei siti Yahoo! non saranno invece soggetti a modifiche. (AGI, 5 febbraio 2014)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Gruppo 24 Ore: Paolo Fietta nominato chief financial officer

Khashoggi, Arabia Saudita concede l’ingresso nel Consolato alla polizia turca

Mentana, a novembre prime venti assunzioni per il suo giornale online. “Sistema bloccato da politica ed egoismo”