Sciopero a Libération, i dipendenti chiedono un piano di sviluppo per il futuro

(TMNews) Il quotidiano francese Libération oggi non è in edicola a causa di uno sciopero votato ieri dal 65,6% dei dipendenti. Anche il sito web non sarà aggiornato per la giornata di oggi.

Libération – spiega il comunicato ai lettori – affronta gravi difficoltà finanziarie, in parte legate alla crisi della carta stampata, ma anche a “seri problemi di governance”.

L’89% dei dipendenti ha chiesto il 26 novembre scorso le “dimissioni del presidente del consiglio di sorveglianza Nicolas Demorand e del copresidente Philippe Nicolas, ma oggi entrambi sono ancora al loro posto”. Nel comunicato si ricorda che i dipendenti “sono pronti a consentire degli sforzi se i loro azionisti si impegnano ad accompagnare il giornale in questa fase difficile”.

I dipendenti chiedono “un piano di sviluppo per Libération, con corarggio, audacia, vere scelte, dirigenti, dipendenti e azionisto all’altezza”, quindi investimenti “se si crede al futuro del giornale. Noi ci crediamo”, conclude il comunicato. (TMNews, 7 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Gruppo 24 Ore: Paolo Fietta nominato chief financial officer

Khashoggi, Arabia Saudita concede l’ingresso nel Consolato alla polizia turca

Mentana, a novembre prime venti assunzioni per il suo giornale online. “Sistema bloccato da politica ed egoismo”