Giornalisti a Sochi attaccati dagli hacker

(ANSA) Prima il rischio di dentifrici “esplosivi”, poi i termosifoni freddi e l’acqua gialla nei rubinetti degli hotel dei giornalisti, ora gli hacker: le Olimpiadi di Sochi stanno diventando un campo minato per i media occidentali. Diversi giornalisti hanno riferito problemi ai loro dispositivi elettronici, computer ma anche cellulari, non appena questi si collegano a una rete russa. ”Mi hanno attaccato appena sceso dall’aereo” ha raccontato Richard Engel, reporter della tv statunitense NBC che avrebbe fatto un test con due computer e un telefono, inserendovi appositamente dei dati falsi: ”sono stati intercettati appena li ho connessi alla rete”. E a suo avviso il Dipartimento di Stato Usa, avrebbe già avvertito gli americani che sbarcano a Sochi di non aspettarsi ”alcun rispetto della privacy”, nemmeno nelle loro camere d’albergo. Prima delle Olimpiadi esperti di intelligence russi avevano denunciato un piano di controllo totale delle comunicazioni da parte dei servizi di sicurezza russa. (ANSA, 7 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi