Unione Europea: 1 milione di operatori dell’informazione senza lavoro nel 2013

“Nell’Unione Europea, nel 2013, un milione tra giornalisti, collaboratori, operatori video, assistenti tv, tecnici radiofonici e fotografi hanno perso il lavoro, vittime della chiusura tout court della loro testata o della drastica riduzione del personale. E non compensa la digitalizzazione dell’editoria, laddove spesso i modelli di business si rivelano poco sostenibili e la libera informazione della rete subisce la medesima sorte dei media tradizionali”. E’ quanto sostiene Aldo Torchiaro sul suo blog su Pagina99, sottolineando che in Europa è in atto un ‘mediacidio’ e che nessuno se ne occupa.

Su questo tema c’è una campagna ‘Ferma il #mediacidio’ dell’Iniziativa europea per il pluralismo dei media che chiede una direttiva europea sulla sostenibilità dell’informazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Usigrai denucia: tutto fermo per un “mortificante totonomine”, serve scatto di orgoglio di ad e CdA

Fisi, presentati a Milano i tre Mondiali di Fassa 2019, Anterselva 2020 e Cortina 2021. Roda rilancia: portiamo le Olimpiadi in Italia

NOVITA’: La classifica internazionale dei brand automobilistici più attivi sui social e dei post più condivisi a settembre