Secondo Alcatel-Lucent sono 11,6 milioni i dispositivi mobili ‘infetti’

(AGI) Le reti mobili sono sempre meno immuni da attacchi di virus e altre forme di malware: secondo una ricerca condotta da Alcatel-Lucent sono 11,6 milioni i terminali mobili di diverso tipo colpiti da codici pericolosi. I rischi sono furti d’identita’, informazioni finanziarie e dati personali e conseguenze quali fatture gonfiate a causa di dati “piratati” ed estorsioni di denaro per riprendere il controllo dei dispositivi attaccati. Restano stabili gli attentati alle reti domestiche e i software maligni tradizionalmente connessi a queste reti si spostano progressivamente verso i dispositivi mobili.

I dati relativi al quarto trimestre e all’intero anno 2013 raccolti dall’unita’ specializzata Kindsight di Alcatel-Lucent indicano che il “malware” utilizzato da hackers per accedere ai dispositivi mobili continua a crescere in parallelo all’aumento del traffico su banda larga. Oltre ai rischi per i consumatori, il software maligno e’ utilizzato per azioni di spionaggio e per il lancio di attacchi del tipo Denial of Service (DoS) verso aziende ed enti pubblici.

Il rapporto segnala nell’ultimo anno un aumento del 20% delle infezioni causate da codici maligni sui dispositivi portatili. In totale, il 6% dei clienti residenziali su larga banda e’ stato infettato da virus di livello elevato, come attacchi bot, ovvero malware che consentono all’ “aggressore” di prendere il controllo di computer attraverso la rete, root-kit e trojan su servizi bancari on-line. (AGI, 10 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci