Le piattaforme digitali al servizio della creatività: al via a Milano il Creative Lab di Google

Il 12 febbraio a Milano, presso lo Spazio Chiossetto, prende il via il Creative Lab di Google, una serie di workshop mensili, laboratori creativi e training tecnici dedicati alle tecnologie applicate alla creatività.
Grazie alle tecnologie digitali oggi si possono realizzare progetti creativi impensabili anche solo qualche mese fa, capaci di rendere la pubblicità sempre più coinvolgente e interessante. Alle agenzie sempre più spesso è richiesto da brand e investitori di sviluppare campagne che siano in grado di esprimere con forza creativa gli asset dei brand, sfruttando al meglio le potenzialità dei nuovi strumenti e delle piattaforme digitali, in modo da ottenere risultati sempre più innovativi ed efficaci.Il Creative Lab di Google si propone appunto di aiutare i creativi italiani a orientarsi tra le diverse opportunità e la complessità delle soluzioni tecnologiche.

Paola Marazzini, agency head di Google in Italia

I workshop avranno cadenza mensile, da febbraio a dicembre, e affronteranno alcuni dei temi chiave dell’advertising digitale. Il primo appuntamento, il 12 febbraio, è dedicato all’HTML5; seguiranno sessioni focalizzate sul mobile, i formati rich media e Google+. Tre appuntamenti saranno dedicati al mondo YouTube: il primo incontro è fissato per il 13 marzo.
Per gli iscritti all’Art Directors Club Italiano (Adci) sono previsti seminari con rappresentanti del mondo della creatività italiani e stranieri, sui temi più caldi per la industry. “È l’inizio di una cooperazione volta a diffondere una maggiore cultura digitale”, dichiara Massimo Guastini, presidente dell’Adci. “Un’iniezione di fiducia in un periodo complesso quanto ricco di opportunità come quello che stiamo attraversando”.
Negli ultimi anni Google ha avviato anche altre iniziative rivolte al mondo dei brand e delle agenzie, come Art, Copy and Code e Project Re:brief. “Siamo convinti che le agenzie creative giochino un ruolo sempre più rilevante nella definizione delle strategie di comunicazione”, osserva Paola Marazzini, agency head di Google Italy. “Per questo vogliamo fornire loro un supporto utile alla conoscenza e all’utilizzo delle nostre piattaforme tecnologiche. Ci auguriamo che questa iniziativa possa rafforzare la collaborazione con questi partner e portare ulteriori benefici all’intero ecosistema”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Confalonieri: basta dumping in pubblicità. Intervenga l’Agcom

I Medici chiude crescendo, Le Iene battono Amadeus e Il Segreto, Floris stacca Berlinguer. Gruber da record

Tim, Genish: da Elliot un colpo di stato. Condotta una campagna segreta per destabilizzare la società