In Italia cresce la lettura online delle news, ma l’utilizzo del web rimane inferiore alla media Ue: il rapporto Istat

Nel 2013 il 43% degli italiani ha letto almeno un libro nel tempo libero. I lettori sono di più al Centro-Nord (49,5% contro il 30,7% del Mezzogiorno) mentre in un’ottica di genere le donne leggono più degli uomini (rispettivamente 49,3% e 36,4%). Poco meno di un italiano su due (49,4%) legge un quotidiano almeno una volta a settimana e, tra questi, il 36,2% almeno cinque giorni su sette. Sono sempre più numerose le persone che utilizzano Internet per la lettura di giornali, news o riviste: dall’11,0% del 2005 si passa al 33,2% del 2013.

A dirlo è il rapporto ‘Noi Italia, 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo’ pubblicato oggi dall’Istat. Dall’indagine emerge anche che al primo posto tra le attività culturali svolte fuori casa dagli italiani nel corso del 2013 c’è il cinema (47% della popolazione di 6 anni e più). Seguono le visite a musei e mostre (25,9%).

Per quanto riguarda web e banda larga, secondo l’Istat nel 2013 il 54,8% della popolazione italiana di 6 anni e più utilizza Internet, tra questi il 33,5% lo fa quotidianamente. La posizione nazionale è decisamente inferiore alla media Ue27 (70%). Inoltre, poco meno di sei famiglie su 10 si connettono a Internet tramite la banda larga; a livello territoriale il Mezzogiorno, e in particolare la Calabria (51,1%), si trovano in posizione svantaggiata.

Scarica la sintesi del rapporto Istat ‘Noi Italia’ (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Un americano su cinque naviga su smartphone senza avere la connessione internet in casa

Digitale: italiani fanalino di coda in Ue; ultimi per lettura di news online

Media, Agcom fotografa il mercato italiano tlc, tv, stampa, internet e social – INFOGRAFICHE