“I direttori devono rispettare la clausola di solidarietà”: il monito di Odg Lazio e Asr a Messaggero e Adnkronos

La presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, Paola Spadari, e il segretario dell’Associazione Stampa Romana, Paolo Butturini, esprimono “preoccupazione e sconcerto per il comportamento di alcuni direttori di testata che, nelle complesse e drammatiche vicende che sta vivendo la categoria, adottano comportamenti in aperta violazione della clausola di solidarietà di cui all’articolo 2 della Legge costitutiva dell’Ordine”.

In particolare – si legge in una nota – la direttrice di Adnkronos Alessia Lautone che, come denuncia il Cdr, il 24 e 25 gennaio scorsi in coincidenza con lo sciopero della redazione contro i licenziamenti annunciati dall’azienda, ha utilizzato il lavoro di alcuni stagisti per mandare in rete il notiziario, vanificando in parte la protesta dei colleghi.

Da censurare – continua la nota – anche il comportamento della direzione del Messaggero che, come segnala il Cdr, in coincidenza con lo sciopero del 7 febbraio (che ha impedito l’uscita del quotidiano) ha consentito l’utilizzo di colleghi con contratto di lavoro a tempo determinato, e quindi in una posizione di oggettiva debolezza, per alimentare il sito online del quotidiano.

“Si tratta di atteggiamenti in contrasto con il dovere di solidarietà – affermano Spadari e Butturini – tanto più gravi perché si collocano in un momento di profonda sofferenza della categoria e di transizione incerta della professione. Crediamo che questi comportamenti vadano contrastati in ogni sede e richiamiamo le colleghe e i colleghi direttori a svolgere il ruolo di ‘primus inter pares’ che viene loro assegnato dalla legge e dal contratto. Utilizzeremo tutti gli strumenti a nostra disposizione per contrastare una deriva che danneggia professionalmente e sindacalmente i colleghi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Lo streaming on demand supera le pay tv nel Regno Unito con 15,4 milioni di abbonati

Rai, per individuare nuovo amministratore delegato in campo head hunter. Ma c’è il nodo tetto stipendi

E’ un fenomeno (anche sociale) il telefilm di Rai1: 27,8% per The Good Doctor