Botta e risposta tra Della Valle e Elkann: “Yaki venga in stage alla Tod’s dove si lavora per davvero”

(ANSA) Diego della Valle invita John Elkann, presidente della Fiat, a vedere la Tod’s. ”Potrebbe anche rimanere per uno stage, visto che ha molto tempo libero, così potrà imparare cosa vuol dire lavorare per davvero”, afferma mister Tod’s in risposta alle parole di Elkann. ”Leggo che oggi Yaki, al ritorno da un lungo weekend, ha fatto dichiarazioni trattando un argomento che notoriamente non conosce, quello del mondo del lavoro e delle imprese che vanno bene, dicendo alcune fesserie”, è il preambolo di Della Valle in una nota di risposta alle parole di Elkann. ”Qualora avesse voglia di visitare un’azienda che realizza prodotti ottimi con dipendenti molto preparati, con una situazione finanziaria solidissima che non ha mai fatto cassa integrazione e con clienti ed azionisti soddisfatti e fedeli negli anni, me lo faccia sapere ed io lo inviterò a visitare il Gruppo Tod’s. Potrebbe anche rimanere per uno stage, visto che ha molto tempo libero, così potrà imparare cosa vuol dire lavorare per davvero”, aggiunge. ”Mi dispiace dovermi ultimamente contrapporre a Yaki – riprende il numero uno di Tod’s -, che conosco fin da bambino e che non è in grado di capire che non c’è nulla di personale nelle mie prese di posizione sulla Fiat e sugli Agnelli. Le mie sono critiche rivolte ad una famiglia che ha avuto e preso tutto quello che ha voluto dall’Italia e dagli Italiani negli ultimi decenni e nel momento del bisogno, con un Paese che vive una situazione drammatica, invece di essere pronta a dare il massimo appoggio, è scappata nella penombra per sistemare al meglio i propri affari personali. Chi si comporta in questo modo non merita nessun rispetto”. Della Valle conclude invitando il presidente di Fiat a un confronto pubblico. (ANSA, 11 febbraio 2014)

Diego Della Valle (foto Olycom)

Diego Della Valle (foto Olycom)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Confalonieri: basta dumping in pubblicità. Intervenga l’Agcom

I Medici chiude crescendo, Le Iene battono Amadeus e Il Segreto, Floris stacca Berlinguer. Gruber da record

Tim, Genish: da Elliot un colpo di stato. Condotta una campagna segreta per destabilizzare la società