Migliora la libertà di stampa in Italia. Il rapporto di Reporters sans Frontières

Migliora la situazione della libertà di stampa in Italia, che secondo la classifica 2014 di Reporters sans Frontières passa dall’avere ‘problemi notevoli’ ad una situazione ‘piuttosto buona’. Il nostro Paese recupera 9 punti rispetto al 2013, attestandosi al 49esimo posto sui 180 della classifica mondiale.

Peggiorano invece gli Stati Uniti, che perdono 13 posizioni piazzandosi al 46esimo posto, anche se a registrare la caduta più drastica è la Repubblica Centrafricana che arretra di 43 posizioni fino al 109esimo posto. La Siria, uno dei Paesi più pericolosi al mondo per i giornalisti, ottiene il 177esimo posto rimanendo nel gruppo di coda subito prima di Turkmenistan (178 posto), Corea del Nord (179) ed Eritrea (180).

In Europa Finlandia, Paesi Bassi e Norvegia si confermano come trio di testa. La Francia cala di un punto (39esimo posto), mentre va malissimo la Grecia, che perde 14 posizioni scivolando al 99esimo posto. La situazione peggiora anche in Gran Bretagna, che con meno 3 punti scende al 33esimo posto.

Per Lucie Morillon, direttrice al polo ricerche di Rsf, quest’anno “la classifica di alcuni Paesi, incluso le democrazie, è profondamente colpita da un’interpretazione troppo ampia e abusiva del concetto di protezione della sicurezza nazionale”.

Scarica la classifica completa di Rsf sulla libertà di stampa nel 2014 (.csv)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Lo streaming on demand supera le pay tv nel Regno Unito con 15,4 milioni di abbonati

Mondiali 2018: spettatori a +18% sul 2014 (con partite divise tra Rai e Sky). Per la finale 4 milioni di contenuti social

Nel 2018 più di un’ora di tempo sarà spesa su video online. Previsioni Zenith: investimenti adv in crescita del 19%