Disponibili fondi europei 2014 per i produttori indipendenti

(ANSA) E’ ancora possibile per i produttori indipendenti con programmi destinati alla televisione accedere ai finanziamenti europei stanziati dal progetto Europa Creativa, che prevede 11,8 milioni di euro per l’anno 2014. ”I generi – ha sottolineato l’europarlamentare Silvia Costa (Pd) durante la conferenza ‘Le sfide di Europa Creativa per i Servizi Pubblici Radiotelevisivi’ – includono tutte le forme di ‘drama’, dalle fiction alle serie, dall’animazione ai documentari pensati prioritariamente per lo sfruttamento televisivo. In particolare – ha continuato Costa, relatrice del programma Europa Creativa 2014-2020 – le serie televisive di alto budget sono sostenute con il tetto del 10%, fino a un milione di euro ciascuna”. Costa ha spiegato anche le condizioni per poter partecipare al bando: la nazionalità europea del produttore, il suo status di indipendenza rispetto alle televisioni, la distribuzione in almeno tre Paesi partecipanti al sottoprogramma Media, attraverso l’adesione di almeno tre broadcaster. Inoltre, sono fissati in sette e dieci anni i limiti temporali entro cui la titolarità dei diritti deve tornare al produttore. Europa Creativa, che stanzia 1,4 miliardi per i prossimi sette anni, sostiene tutta la filiera dell’audiovisivo, a partire dal cinema che viene accompagnato in tutte le fasi, dallo sviluppo alla proiezione in sala o su piattaforme multimediali fino alla vendita all’estero e alla facilitazione delle co-produzioni europee e internazionali. All’evento in Parlamento Ue hanno partecipato broadcaster europei e anche il direttore di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, a cui l’eurodeputata del Pd si è rivolta chiedendo che la ”televisione pubblica diventi alleata della cultura europea”. ”All’Europa – ha detto Andreatta presentando diversi lavori – è dedicato un progetto di grande valore con al centro del racconto la figura di Altiero Spinelli”. ”Il nuovo programma Media, dentro Europa Creativa – ha aggiunto Andreatta – è un grande traguardo in termini di impatto economico e di modernità”. A questo link alcune opportunità di Europa Creativa con le relative scadenze. (ANSA, 12 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi