Rivolta M5S contro l’emendamento Sel che vieta la pubblicità sui siti di partito

I militanti del MoVimenti 5 Stelle protestano contro l’emendamento Sel che vorrebbe abolire la possibilità di inserire inserzioni pubblicitarie su siti e blog riconducibili ai partiti politici. “È vietata la pubblicazione di annunci di carattere commerciale o pubblicitario sui siti internet, anche presentati sotto forma di blog, di partiti o di movimenti politici; dei gruppi politici di qualunque assemblea elettiva; di chiunque ricopra un incarico istituzionale anche non elettivo; di chiunque ricopra l’incarico di Presidente, Segretario o legale rappresentante di partito o movimento politico che abbia conseguito un eletto alla Camera dei Deputati, al Senato della Repubblica, al Parlamento Europeo o in un Consiglio Regionale”, cita l’emendamento.

Un divieto che potrebbe abbattersi in modo molto pesante su chi utilizza il proprio blog come canale di comunicazione principale, caso questo di Beppe Grillo. Motivo per cui è scoppiata la protesta su Twitter, come racconta l’Huffington Post.

Alcuni tweet ripresi sull'HuffPost

Alcuni tweet ripresi sull’HuffPost

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Crimi: aboliremo finanziamento pubblico ai giornali. Dal 2020 via 60 milioni di fondi

Borsellino festeggia 30 anni di Italpress. Istituzioni, editori, tanti amici e giornalisti alla cena di gala

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright