L’Istituto Luce-Cinecittà lancia l’app ‘Luce del passato’

(ANSA) Luce-Cinecittà lancia un nuovo progetto di valorizzazione del proprio grande archivio storico, rendendolo fruibile in chiave turistica. Parte oggi ‘Luce dal passato’, la nuova App per telefono e tablet con tecnologia Android sviluppata per creare una speciale interazione tra la storia e patrimonio delle nostre città d’arte e centinaia tra fotografie e filmati dell’Archivio Luce. Prima tappa del progetto Roma, cui seguiranno a breve Firenze e Venezia. Attraverso Luce dal passato l’utente potrà rivivere la storia di luoghi, monumenti, siti archeologici, lungo l’arco di tutto il novecento. Potrà avventurarsi in un’esplorazione nella vita politica e nei costumi delle città italiane e rivivere le atmosfere di luoghi ormai spariti o profondamente mutati. Grazie alle nuove tecnologie si potranno riscontrare i cambiamenti urbanistici ed architettonici nel passare del tempo e apprendere gli avvenimenti storici in prima persona. Sarà infatti sufficiente camminare per la città, e l’App LUCE DAL PASSATO guiderà verso il punto esatto in cui un evento ha avuto luogo. Nel caso di Roma, per esempio, Marcello Mastroianni a passeggio per via Veneto, piazza Venezia durante i comizi di Mussolini, la Stazione Termini, dagli arrivi di Gandhi nel 1931 a quello di Armstrong nel ’52; o ancora la squadra della Roma calcio nell’antico stadio a Testaccio, Campo de’ Fiori in ‘presa diretta’. Cinquecento tra filmati e fotografie appartenenti al Luce raccolti in cinquanta punti d’interesse della capitale, scelti tra i luoghi più celebri e artisticamente più significativi. (ANSA, 13 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi