Apple tratta con Tesla, all’orizzonte una collaborazione su più fronti

(ANSA) Auto nei progetti Apple? È uno dei possibili orizzonti: Cupertino avrebbe da tempo avviato contatti con Tesla, una delle società più innovative nel settore automobilistico. La scorsa primavera, come rivela il San Francisco Chronicle, il ceo di Tesla, Elon Musk, spesso paragonato per genio a Steve Jobs, avrebbe incontrato top manager della Mela Morsicata. Secondo analisti più che un’acquisizione in ballo ci sarebbe una collaborazione su più fronti, anche per batterie agli ioni di litio. Il capo della divisione fusioni e acquisizioni di Apple, Adrian Perica, secondo quanto riportato dal giornale californiano, avrebbe incontrato Elon Musk la scorsa primavera alla sede di Cupertino. Musk in quell’occasione potrebbe aver avuto anche contatti diretti con il ceo di Apple, Tim Cook. Incontri avvolti dal massimo riserbo, proprio nel periodo in cui si vociferava di un’eventuale acquisizione di Tesla da parte di Apple. Opzione sulla quale nessuna delle due aziende ha mai rilasciato commenti. Per molti analisti questa resta una possibilità, mentre per altri una collaborazione fra due pionieri nell’innovazione tecnologica potrebbe declinarsi su fronti diversi. Tesla ad esempio è specializzata nella produzione di batterie agli ioni di litio e secondo il blog 9to5Mac, Cupertino punterebbe a una partnership in questo senso per migliorare la prestazione delle batterie e dei propri dispositivi. Apple ha già cominciato a farsi strada nel settore automobilistico: l’anno scorso annunciò piani per integrare iOs negli schermi sul cruscotto delle vetture di nuova generazione e ha creato per Ferrari un sistema di infotainment. (ANSA, 17 febbraio 2014)

Tim Cook, ceo di Apple (foto Olycom)

Tim Cook, ceo di Apple (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’Ue apre un’indagine sull’acquisizione di Shazam da parte di Apple

Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri

Giornalisti sempre più vecchi, età media da 47 a 58 anni. Casagit: “Frana occupazionale”