Giornalisti: online il corso per il ricongiungimento

E’ disponibile da oggi all’indirizzo www.formazionegiornalisti.it il corso on line, parte essenziale dell’iter del ricongiungimento che consente ai colleghi pubblicisti, in possesso dei requisiti previsti dalla delibera del Cnog n.199/2013 del 18.12.2013, di accedere all’esame per diventare professionisti.

Alcuni Consigli regionali – scrive l’Odg in una nota – hanno già accolto le domande presentate, valutando nel merito la documentazione prodotta, così riconoscendo un diritto a colleghi che vengono mortificati dalle condizioni nelle quali sono costretti da anni a lavorare e possono, in questo modo, avere almeno la soddisfazione di essere riconosciuti anche formalmente come professionisti dell’informazione. È stato un percorso lungo. Il Cnog aveva deciso il ricongiungimento fin dal 14 marzo 2013 con delibera n. 75. C’erano state alcune osservazioni da parte di Consigli regionali. Ne era nato un confronto che ha portato alla delibera del 18 dicembre 2013 che assorbe quasi tutte le preoccupazioni manifestate dai Consigli regionali, nella riunione del 30 ottobre dello scorso anno.

Il Cnog – continua la nota – ha ritenuto che non fosse possibile, come la consulta dei presidenti e vice presidenti degli Odg regionali aveva chiesto, prevedere il ricongiungimento senza limiti temporali ed ha deciso di stabilire una diversa e più bassa soglia di reddito, consapevole della devastante situazione esistente e con il conforto dell’opinione favorevole di non pochi tra gli stessi rappresentanti degli Odg regionali.

I colleghi in possesso dei requisiti previsti possono, quindi, presentare le loro domande sulle quali i Consigli regionali sono tenuti a deliberare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Audiweb, total digital audience a febbraio: il 77% del tempo speso è mobile – INFOGRAFICHE

Bolloré lascia la guida di Vivendi al figlio Yannick. Nominato président Cds

Due licenziamenti alla Gazzetta dello Sport. Forte impatto nelle redazioni Rcs