Il governo turco disposto a modificare la criticata legge ‘censura internet’

(TMNews) Il governo turco è disponibile a modificare alcuni articoli chiave della legge su internet approvata la scorsa settimana tra le polemiche. La decisione a sorpresa arriva dopo che questa mattina il Presidente della Repubblica turco Abdullah Gul aveva espresso perplessità su alcuni articoli della legge, rende noto il quotidiano Hurriyet sulla sua pagina web. Anche Ue e Stati uniti si erano detti “preoccupati” per le nuove norme.

Abdullah Gul (foto Olycom)

Abdullah Gul (foto Olycom)

Nel pomeriggio il ministro per le telecomunicazioni Lutfi Elvan ha incontrato i capogruppo dei due maggior partiti d’opposizione, che avevano parlato di “legge censura-internet”, per comunicargli l’intenzione di rivedere la legge. Il Direttorato per le telecomunicazioni (Tib), un organo legato al governo, potrà ordinare l’oscuramento di una pagina web entro quattro ore, ma in base alle modifiche proposte oggi, un Tribunale si dovrà obbligatoriamente esprimere sulla decisione entro 48 ore e non solo nel caso l’amministratore della pagina presenti ricorso come previsto dalla legge approvata. La banca dati dei provider con le informazioni sul traffico degli utenti, inoltre, saranno consultabili dal Tib solo dopo l’approvazione dei giudici.

Le strade per emendare il provvedimento ora sono due. Se il presidente Gul, che ha altri sette giorni per esprimersi, non sottoscriverà la legge, il parlamento potrà modificarla subito, in caso contrario sarà necessario approvare un nuovo testo.

TmNews, 18 febbraio 2014

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram