Il presidente turco Gul approva la legge anti-web e perde i suoi follower su Twitter

(TMNews) Chi di internet ferisce, di internet perisce. Dopo aver dato il via libera a una controversa legga che rafforza il controllo sulla Rete, il presidente turco Abdullah Gul ha perso circa 80mila follower su Twitter, che hanno così aderito a una protesta virtuale.

Gul, particolarmente attivo sul famoso social network, ha annunciato, ironia della sorte, proprio su Twitter di aver promulgato la legge del governo islamico-conservatore giudicata “liberticida” dall’opposizione e da numerose ong per la difesa dei diritti umani.

Non appena lo ha fatto, gli “internauti” turchi hanno lanciato una campagna per smettere di seguire il capo dello stato, che ha annunciato di aver preso questa decisione dopo aver ottenuto l’assicurazione del governo, del quale fece parte prima di essere eletto all’attuale carica nel 2007, che saranno presentati emendamenti sui punti del testo più controversi. Gli internauti, circa 34 milioni in Turchia, hanno criticato la decisione del presidente. (TMNews, 19 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Copyright, Carotti (Fieg): cooperare con le grandi piattaforme. Per l’industria di qualità servono risorse

Tennis, Next Gen Atp torna a Milano. Binaghi (Fit): le Atp Finals a Torino un sogno realizzabile

Facebook sceglie l’ex vice premier inglese Clegg per guidare affari globali e comunicazione