Bitcoin: i gemelli Winklevoss creano un indice dei prezzi

(ANSA) Cameron e Tyler Winklevoss, i gemelli della ‘guerra’ con Mark Zuckerberg per la paternità di Facebook, continuano a scommettere sui Bitcoin. Per la controversa valuta del web, che tanti governi stanno provando a regolamentare, ora hanno creato un indice dei prezzi. Si chiama Winkdex e fornirà dati regolarmente aggiornati sul prezzo dei Bitcoin. Il New York Times lo paragona allo Standard & Poor’s 500, importante indice azionario nordamericano. I gemelli Winklevoss hanno già da tempo messo gli occhi sulla criptomoneta, ad esempio investendo su Bitinstant, popolare piattaforma di scambio di Bitcoin il cui fondatore, però, è stato arrestato di recente per riciclaggio di denaro. Ora, come riporta il quotidiano della Grande Mela, hanno presentato il loro ‘indice’ per i Bitcoin alla Sec, la Commissione americana per i Titoli e gli Scambi. Mossa legata al tentativo dei Winklevoss di creare per i Bitcoin un ‘Exchange Traded Fund’ (Etf), categoria di fondo le cui quote sono negoziate in Borsa in tempo reale come semplici azioni e destinata a investitori tradizionali. Elemento di differenza col primo fondo di investimento con in portafoglio solo Bitcoin già esistente, il Bitcoin Investment Trust, che consente di scommettere sul prezzo della moneta virtuale solo a ricchi investitori. Il Winklevoss Bitcoin Trust aspetta l’ok delle autorità ma per il New York Times l’approvazione potrebbe essere vicina. Quanto al Winkdex, l’indice dovrà competere con un crescente numero di società che forniscono informazioni sulla cripto-valuta. L’indice più popolare per monitorare il prezzo dei Bitcoin è operato da CoinDesk. (ANSA, 20 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Capalbio vuole Asor Rosa per sempre. Petizione per concedere la cittadinanza onoraria al professore

Mentana, a novembre prime venti assunzioni. “Sistema bloccato da politica ed egoismo”

Caso Khashoggi, dal New York Times all’Economist: i media disertano il forum di Riad