Bavaglio all’Ora della Calabria. Il direttore Regolo denuncia: “Fatto gravissimo per la libertà di stampa” (VIDEO)

Molti quotidiani di oggi – dal Fatto al Giornale – se ne occupano, la notizia ha fatto il giro del web, la Federazione della Stampa è intervenuta, il direttore Luciano Regolo ha scritto un editoriale dal titolo ‘La censura e l’era del cinghiale’. Il giorno dopo la mancata uscita del giornale L’Ora della Calabria in seguito alle pressioni dell’editore perché non venisse pubblicata la notizia dell’inchiesta giudiziaria che riguarda il figlio del senatore alfaniano Tonino Gentile, la polemica registra toni molto accesi.

I fatti vengono oggi ricostruiti dal direttore Luciano Regolo nel suo editoriale in cui, rivolgendosi ai lettori, dà conto del tentativo dell’editore Alfredo Citrigno di bloccare la pubblicazione dell’articolo sull’inchiesta in cui ad Andrea Gentile sono contestati i reati di abuso d’ufficio, falso ideologico e associazione a delinquere nell’ambito del caso Asp. Dopo il diniego del direttore, a tarda notte è stato lo stampatore – anche lui intervenuto cercando di non far pubblicare l’articolo – a comunicare che un guasto alla rotativa impediva l’uscita del quotidiano.

“Se non ci avete trovato in edicola ieri è perché nella notte tra il 18 e il 19 febbraio si è consumato un fatto gravissimo per la libertà di stampa, la violazione delle più elementari regole della democrazia e del vivere civile”, ha scritto Regolo. Il portale del giornale ospita anche la versione dell’editore Alfredo Citrigno e dello stampatore e dà conto dell’allarme e della solidarietà che da più parti sono giunte alla direzione e alla redazione del quotidiano calabrese.

Ecco il video della conferenza stampa del direttore Luciano Regolo tenuta nella redazione del quotidiano il 19 febbraio 2014:

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La giornata mondiale dell’infanzia è sulla Rai. Foa: per il servizio pubblico un dovere dare spazio

Vivendi: proroga di 6 mesi per indagini sulla tentata scalata a Mediaset da parte della media company francese

Da adv video, native e mobile un incremento delle revenue degli editori del 26%. Previsioni Oath-Iab Europe