Sanremo: spettatori ancora sotto i 9 milioni, 34,93% di share media (-7,5% sul 2013)

(AGI) Ascolti ancora sotto i 9 milioni di spettatori per il Festival di Sanremo. Ieri, terza serata della 64^ edizione della rassegna, gli spettatori che hanno seguito la prima parte dello spettacolo sono stati 8 milioni 936mila, con share del 34,36%, mentre la seconda parte e’ stata vista da 4 milioni 17mila spettatori con share del 39,14%. La media ponderata degli ascolti di ieri e’ di 7 milioni 670mila spettatori con il 34,93% di share. Rispetto alla serata precedente, per quanto riguarda la prima parte c’e’ stata una risalita dello share pari a poco meno di un punto di share, mentre per la seconda lo share e’ risalito di un punto e mezzo. La media ponderata dice una risalita di mezzo punto, decimale piu’ decimale meno.

Fabio Fazio e Renzo Arbore (foto Olycom)

Rispetto all’analoga serata di un anno fa, nella prima parte c’e’ stato un calo di due milioni e mezzo di spettatori, con share sotto di circa 8 punti, mentre nella seconda parte la flessione e’ stata di oltre 2,3 milioni e share di quasi 8 punti. In fatto di media ponderata, rispetto a un anno fa flessione di tre milioni di spettatori e di 7,5 punti percentuali di share. A guardare indietro negli anni, e’ ancora il 2008 quello che registro’ ascolti di questa portata. Ora si guarda alla quarta serata, tutta dedicata alla canzone d’autore, con l’omaggio dai 14 big che, insieme ad altri artisti italiani ed internazionali, riproporranno brani celebri, di sicuro nella memoria musicale degli italiani e che hanno attraversato trasversalmente le generazioni. (AGI, 21 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi