United Ventures – Più ossigeno per le startup

Un’iniezione di risorse per le nuove imprese innovative arriva dal secondo closing (come nel gergo del venture capital viene definita la conclusione dei contratti di finanziamento) di United Ventures, il più importante investitore italiano in questo settore. Nato un anno fa dalla fusione della Annapurna di Massimiliano Magrini (già country manager di Google Italia) con la Jv Capital del finanziere Paolo Gesess, due partner di peso come Sergio Zocchi (già partner di Jupiter Ventures) e Mario Mariani (ex Tiscali e fondatore dell’incubatore The Net Value), United Ventures ha portato a oltre 50 milioni di euro la raccolta complessiva, dai 30 milioni iniziali.

L’articolo integrale è sul mensile Prima Comunicazione n. 447 – Febbraio 2014

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il dl dignità diventa legge. Via libera dal Senato con 155 sì

Bonisoli: Cinecittà e Rai collaborino di più. Calo di spettatori nelle sale? Serve soluzione italiana

Cda Rai, Rousseau sceglie Coletti e Cellini come candidati M5S – CHI SONO