CiBi – Nuovo magazine in vista di Expo 2015

Mai come in questo caso vale il detto che l’appetito vien mangiando. Nata alla fine del 2012 su iniziativa di sei professionisti (Andrea Molinari, imprenditore, Paola Chessa Pietroboni, sociologa e giornalista, Flavio Merlo, sociologo, Marco Matricardi, grafico e art director, Arianna Censi, esperta di comunicazione, e Chiara Visconti di Modrone, fotografa), CiBi è un ambizioso progetto editoriale declinato in versione cartacea, sito (www.cibiexpo.it) e social network coordinati, che ha tutta l’intenzione di affermarsi e crescere sia sui contenuti sia nelle forme editoriali.

Il tema chiave di CiBi è l’alimentazione, nei suoi vari aspetti, dalla storia alla geografia, dalla scienza alla salute. Gli obiettivi sono sostanzialmente due: fornire un’informazione autorevole e indipendente ai consumatori e offrire visibilità agli operatori più affidabili del settore. Tutto con uno sguardo diretto all’Expo 2015, occasione nazionale ma anche internazionale per affrontare, tra gli altri, questioni delicate e spesso controverse come quella della produzione e delle abitudini alimentari.

Con un primo autofinanziamento di 50mila euro (ma presto destinato a crescere), il primo numero di CiBi – distribuito gratuitamente per ora solo nell’area milanese ma presto in tutto il Paese – ha scelto il formato tabloid su carta riciclata migliorata, una ventina di pagine tra testi e immagini e una dozzina di pubblicità. Partita con 50mila copie, con periodicità qundicinale, CiBi è disponibile anche in versione digitale sul sito.

L’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 447 – Febbraio 2014

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il dl dignità diventa legge. Via libera dal Senato con 155 sì

Bonisoli: Cinecittà e Rai collaborino di più. Calo di spettatori nelle sale? Serve soluzione italiana

Cda Rai, Rousseau sceglie Coletti e Cellini come candidati M5S – CHI SONO