Rai – Tarantola per la leadership femminile

Protagoniste della vita pubblica prenderanno la parola al convegno dal titolo ‘Donna è…’ che la presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, sta preparando e che si svolgerà il 5 e 6 marzo a Roma nella sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica, alla vigilia della Festa della donna dell’8 marzo. Il convegno si iscrive negli eventi celebrativi per i 50 anni della Rai e vuole rimarcare la scelta di una ‘policy di genere’ che la Rai, unico servizio pubblico in Europa, ha abbracciato.

Filo rosso della manifestazione i modelli positivi di leadership femminile nella politica, nella economia, nella scienza, nella cultura e nei media, in contrasto con gli stereotipi e le banalità che falsano l’immagine della donna e di cui proprio la televisione e i media sono il più potente veicolo.

Tra le personalità che animeranno la due giorni al femminile saranno presenti Mari Joannha Kiviniemi, pezzo da novanta del Parlamento finlandese, Ana Revenga, responsabile delle risorse umane per Europa e Africa della Banca mondiale, il direttore generale della Bce Chiara Zilioli, Carlotta Sami, portavoce Onu per i rifugiati del Sud Europa e ancora accademiche, scrittrici, registe, pubblicitarie, musiciste. Unica dirigente Rai che figura tra i relatori, Eleonora Andreatta, il direttore della Fiction che, raccogliendo il testimone dalla Tarantola, è molto attenta a valorizzare le figure femminili negli sceneggiati della Rai.

È prevista una novità interessante a chiusura delle giornate: i collegamenti con varie università per permettere agli studenti di dibattere e commentare con gli ospiti.

L’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 447 – Febbraio 2014

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nuovi linguaggi e impegno sociale: arriva Involontario, la prima serie girata all’Istituto dei tumori

Il dl dignità diventa legge. Via libera dal Senato con 155 sì

Bonisoli: Cinecittà e Rai collaborino di più. Calo di spettatori nelle sale? Serve soluzione italiana