Presentati agli investitori i nuovi prodotti di Rai Pubblicità

(AGI) I nuovi prodotti commerciali di Rai Pubblicita’ (la ex Sipra), concessionaria Rai per le inserzioni pubblicitarie, sono stati presentati agli investitori a Roma e a Milano. I due incontri tra i vertici della societa’ – Lorenza Lei, presidente Rai Pubblicita’, Fabrizio Piscopo, amministratore delegato – e gli investitori sono stati promossi per illustrare agli investitori il panorama sugli ascolti, sul mercato e sulle caratteristiche del prodotto Rai. Incontri che sono anche l’occasione per presentare al mercato il nuovo direttore marketing di Rai Pubblicita’, Giuseppe Oliva.

Fra le novita’ spicca l’introduzione del Second Screen, nella sua forma definitiva che consentira’ l’interazione tra spot pubblicitari e device (il 65% dei telespettatori ha ormai un device a portata di mano). Ma anche il Proxee, un nuovo hardware che inviera’ messaggi promozionali nei foyer delle sale del cinema e non solo. Sono due nuovissime tecnologie che Rai Pubblicita’ lancera’ nel mese di marzo nel segno della continua ricerca ed evoluzione del prodotto pubblicitario.

C’e’ inoltre una nuova versione di ‘Carosello’ basata su una formula che unira’ contenuti d’intrattenimento editoriali a formati pubblicitari standard. In particolare l’offerta Carosello consentira’ di incastonare gli spot degli investitori nel contesto di una sit-com. Carosello, anche nella mutata veste editoriale, conservera’ la sua natura cross-mediale confermando l’offerta tv, radio, web e cinema, tipica del prodotto di Rai Pubblicita’. Durante le due convention, focus inoltre sull’agenzia pubblicitaria interna a Rai Pubblicita’: “Air”, uno show reel sui nuovi formati pubblicitari. E infine la presentazione dell’offerta Rai per i prossimi Mondiali di calcio in Brasile. (AGI, 27 febbraio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi