Online domani il nuovo sito del Corriere della Sera, prima pagina a sorpresa sull’edizione cartacea

Al via domani il nuovo sito del Corriere della Sera, che perde il suffisso .it nella testata per dare l’idea di un’informazione unica e integrata. Per l’occasione l’edizione cartacea uscirà con una prima pagina speciale, ancora in fase di studio “anche se in epoca multimediale è difficile tenere le sorprese”, ha detto oggi pomeriggio il direttore Ferruccio de Bortoli alla conferenza stampa di presentazione nella sede storica di Via Solferino.

Il direttore Ferruccio de Bortoli (foto Olycom)

Il direttore Ferruccio de Bortoli (foto Olycom)

“Non si tratta solo di un restyling, bensì di un modo nuovo di pensare i contenuti”, ha spiegato de Bortoli. “Corriere della Sera sarà anche un laboratorio permanente per il giornalismo digitale. L’informazione deve essere tempestiva ma accurata e anche online bisogna mantenere alti standard di qualità. Tutto è al servizio del cittadino, che è protagonista e non suddito dell’informazione”.

Il nuovo sito sarà “giovane ma non giovanilista, molto visuale, multimediale e touch first”, ha aggiunto Alessandro Bompieri, direttore generale Divisione Media del gruppo Rcs. “Incarnerà un nuovo paradigma del rapporto tra informazione e tecnologia; vogliamo anticipare i cambiamenti”.

Presente alla conferenza anche Daniele Manca, vice direttore del quotidiano e responsabile del sito, che ha annunciato il lancio previsto per il 27 marzo di una versione responsive per smartphone.

Dal 25 marzo, inoltre, il sito si arricchirà di un nuovo canale sulle passioni maschili con marchio ‘Style’, mentre arriverà entro l’estate un canale sulla moda al femminile.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Cannes Lions: vincono Pritchard e P&G. Bene l’Italia con Diesel e Publicis

Vodafone lancia ho, low cost che sfida Iliad: 6,99 euro per minuti e sms illimitati e 30 Giga

Thompson (Nyt) giudica gli Ott: Google creativo, Fb complicato, Tw migliora ma sui social poca trasparenza