06 marzo 2014 | 10:31

Google investe sulle donne

Google parla al femminile. E più che parlare, agisce. Il motore di ricerca che domina il Web, all’interno del suo programma Google Entrepreneurs (avviato nel 2012 per sostenere le startup industriali) ha deciso di dedicare questa settimana – simbolicamente e universalmente legata alla donna – impegnando un milione di dollari in una quarantina di iniziative che mirino ad accrescere la rappresentanza femminile nel mondo delle comunità altamente tecnologiche.

Partendo da un dato rivelato dalla National Association of Women Business Owners – organizzazione americana fondata nel 1975 con il proposito di mettere a sistema più di dieci milioni di aziende di proprietà femminile e di creare una rete di sostegno reciproco – le donne rappresentano il 30% delle proprietà aziendali americane e impiegano quasi 8 milioni di lavoratori e lavoratrici. Non solo: nonostante le imprese a conduzione femminile partano con un capitale di molto inferiore rispetto a quelle guidate dagli uomini, le prime riescono a produrre benefici economici superiori del 12% rispetto alle seconde. Aiutare l’imprenditoria femminile è, per Google, non solo un impegno civile ma un investimento redditizio. (D. S.)