12 marzo 2014 | 15:09

Rcs: migliorano i benefici da efficienze, fino a 220 milioni entro il 2015

Il gruppo Rcs ha individuato “ulteriori aree di intervento che permettono di avviare una nuova serie di efficienze per 50/70 milioni di Euro, i cui effetti si manifesteranno a partire dal 2015. Rispetto ai 145 milioni di Euro previsti inizialmente, sono attesi quindi nel triennio benefici complessivi da efficienze fino a 220 milioni”. Lo anticipa il gruppo editoriale nel giorno del suo primo ‘investor day’ che si tiene oggi a Milano per aggiornare il mercato sul piano di sviluppo 2013-2015, sui risultati del 2013 e sulle iniziative in corso. Partecipano il presidente Angelo Provasoli, l’amministratore delegato Pietro Scott Jovane e il top management del gruppo editoriale.

Le aree di business di Rcs – si legge in una nota – vedono tra le priorità “l’ulteriore rafforzamento dei core business editoriali, una forte accelerazione sul digitale, maggiori sinergie infragruppo, il potenziamento del valore dei marchi editoriali e degli autori dell’area libri e un incremento dei ricavi da eventi, soprattutto in ambito sportivo”.

“L’accelerazione del piano di efficienze attuata nel 2013 e prevista nel 2014″, prosegue la nota, “consentirà di raggiungere il target triennale di taglio di costi previsto nel Piano per lo sviluppo 2013-2015 con un anno di anticipo”.

In merito agli obiettivi di piano 2013-2015 il Gruppo conferma i target di profittabilità, debito e capex.

Pietro Scott Jovane (foto Olycom)

Pietro Scott Jovane (foto Olycom)