Mercato

13 marzo 2014 | 10:37

Con la ricerca di GfK, Facebook svela l’integrazione di smartphone, tablet e pc

Oltre il 60% delle persone utilizza quotidianamente almeno due dispositivi e il 20% ne utilizza tre. Il 77% usa lo smartphone per comunicare, l’86% accende laptop o pc per attività lavorative e il 50% accede al tablet per entertainment. Facebook risulta inoltre tra le attività più frequentemente gestite da tutti i dispositivi. Questi i dati principali emersi dallo studio ‘Multi-Device usage’ commissionato da Facebook a GfK che svela abitudini e comportamenti delle persone in termini di utilizzo e frequenza dei dispositivi.

Lo studio mostra che i diversi dispositivi vengono utilizzati in modo integrato e sempre più fluido da tutti. Le persone inoltre attribuiscono un ruolo differente a ciascun device: se lo smartphone è considerato il dispositivo per eccellenza in mobilità dal 77% degli intervistati, usato principalmente per comunicare e per accedere ai social media, il tablet è percepito dal 50% delle persone come un hub per l’entertainment domestico da condividere con gli altri membri della famiglia soprattutto tra le pareti domestiche. Il ruolo del pc è invece per l’86% degli intervistati di supportare le attività lavorative e la gestione delle proprie finanze.

La tecnologia è sempre più la compagna ideale per comodità e praticità. Tutti coloro che fanno ricerche e necessitano di accedere a contenuti specifici ed entrare in contatto velocemente con i propri amici tendono a passare da un dispositivo all’altro. Oltre il 40% delle persone infatti inizia un’attività su un device per proseguirla su un altro per dimensioni dello schermo e della tastiera, un trend che cresce parallelamente all’aumentare del numero di dispositivi posseduti, raggiungendo il 54% di coloro che possiedono due dispositivi e il 73% di coloro che ne possiedono tre. Non sorprende quindi che il 60% degli intervistati prediliga l’uso del computer per terminare un’attività già iniziata e solo il 25% l’uso del tablet.

La praticità risulta quindi essere il fattore che più di ogni altro spinge a cambiare dispositivo ma l’urgenza dell’attività, il tempo richiesto, il livello di sicurezza e di privacy e l’accuratezza richiesta sono altri elementi che influiscono sulla scelta del dispositivo. Lo smartphone risulta essere l’unico dispositivo utilizzato durante l’intera giornata, preferito 10 volte di più rispetto al laptop in mobilità sui trasporti pubblici e 3 volte di più rispetto al tablet.

L’accesso a Facebook e alle email viene invece effettuato attraverso una molteplicità di dispositivi, una tendenza che conferma la capacità del social network di raggiungere tutti e in qualsiasi momento, in modo veloce e coinvolgente. Questa possibilità rappresenta un’opportunità per le persone di fruire di esperienze rilevanti in relazione alle proprie personali esigenze grazie a semplicità e fluidità tra le diverse esperienze e per le aziende di avere a disposizione una modalità dinamica e flessibile per raggiungere i consumatori in modo personalizzato e immediato.