La comunicazione 2.0 di Renzi secondo Anna Maria Testa (VIDEO)

“Ci sono state tre grandi discontinuità nella comunicazione politica italiana, che era più o meno rimasta uguale a se stessa dal secondo dopoguerra. La prima è stata con Bossi, la seconda nel ’94 con la discesa in campo di Berlusconi, la terza con Grillo, tutte e tre avvenute fuori dall’area della sinistra e coincise con delle formazioni politiche nuove. Con Renzi abbiamo una svolta drastica nello stile di comunicazione, che esprime anche un cambiamento di velocità e di visione all’interno di una formazione politica che ha una storia quasi centenaria”. L’analisi è dell’esperta di comunicazione Anna Maria Testa, intervistata oggi dal Tg La7 Cronache sulla strategia social del nuovo premier che, tecnologia alla mano, illustra le sue proposte a colpi di tweet e slide colorate.

“La comunicazione passa se è intimamente coerente, cioè se somiglia alla persona che la esprime”, continua Testa. “Tra Berlusconi e Renzi ci possono essere delle affinità, ma i modi di parlare e di pensare sono profondamente diversi”.

Ecco il servizio andato in onda oggi al Tg La7 Cronache:

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Crimi: finanziamenti a 150/200 testate su 18mila. Falso dire che senza contributi diretti non c’è pluralismo

Fnsi e Odg alzano la voce ma chiudono al dialogo col governo: non trattiamo con chi insulta i giornalisti e aumenta il precariato

Rugby, Guinness main sponsor del Sei Nazioni