13 marzo 2014 | 18:11

La tecnologia 3D sconfigge l’handicap nel nuovo spot Intel (VIDEO)

Mick Ebeling, fondatore della casa di produzione californiana The Ebeling Group ed esperto di stampa 3D, è il soggetto dell’ultimo video di Intel nell’ambito di ‘Look Inside’, la campagna dell’azienda informatica che mette in scena le potenzialità della tecnologia a servizio dell’umanità.

Se i protagonisti delle puntate precedenti – sempre firmate dall’agenzia Venables Bell+Partners – erano l’alpinista cieco Erik Weihenmayer e il medico sedicenne Jack Andraka, questa volta lo spot racconta la storia di Ebeling che attraversa l’Africa armato di stampanti 3D e bobine Intel per fondare il primo laboratorio di stampa protesica 3D. Un’idea che gli è venuta dopo aver letto di un ragazzo di nome Daniel che perse entrambe le braccia nella guerra civile del Sudan meridionale.

L’iniziativa si sviluppa anche su Twitter, dove Intel chiede agli utenti ‘Chi è il tuo Daniel?’, invitandoli a presentare video o tweet che suggeriscono un nuovo modo di applicare la tecnologia a un problema. E’ previsto anche un incontro interattivo su YouTube con Ebeling e una serie di teaser video su Vine e Instagram che illustrano il processo di stampa 3D e il montaggio delle protesi.

Ebeling è anche il produttore esecutivo di ‘Getting Up: Tempt One Story’, il progetto vincitore dell’Audience Award al 2011 Slamdance Film Festival che raccontava l’incontro con l’artista Tony Quan, affetto da Sla. Ebeling aiutò Quan a realizzare il suo primo graffito utilizzando tecnologie che trasformano i segnali oculari in arte.