Caio sull’agenda digitale: risparmi per circa 35 miliardi

(MF-DJ) “I tre principali progetti, a partire della fatturazione elettronica, sono tutti in fase di avanzata realizzazione”. Lo afferma Francesco Caio, ex commissario per l’agenda digitale nel governo Letta, parlando dell’incarico appena concluso ai microfoni dell’economia prima di tutto del Gr Rai.

Francesco Caio (foto Olycom)

Caio spiega che “sulla fatturazione elettronica, la cui legge è del 2008, in 6 mesi siamo riusciti a fare più di ciò che si è riuscito a fare negli ultimi 4 anni. Stime del Politecnico di Milano dicono che quando tutti i progetti saranno avviati il risparmio per lo Stato potrebbe essere nell’ordine di 30-35 miliardi, l’equivalente di un paio di manovre”.

Sulla possibilità che con il governo Renzi si porti a compimento il progetto Caio sottolinea che “ho trovato persone nella pubblica amministrazione molto competenti e molto desiderose di innovare ma un po’ perse per la mancanza di un architetto chiaro e deciso sulle cose da fare. Come ho avuto modo di parlarne con il premier Renzi, penso che la pressione e l’interesse del premier sarà un enorme lubrificante per far si che l’agenda digitale diventi realtà in Italia”. (MF-DJ 18 marzo 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci