Gino Paoli a Radio2: “Gli smartphone paghino il diritto d’autore”

(ITALPRESS) È’ vero che Gino Paoli, come presidente della Siae, vuole mettere della tasse sugli smartphone? Il cantautore ha risposto a questa domanda oggi a ‘Un giorno da pecora’, su Radio2. “Non e’ assolutamente vero, io voglio che gli smartphone paghino il diritto d’autore”, ha precisato Paoli a Sabelli Fioretti e Lauro.

Quindi vorrebbe mettere una tassa? “No, il diritto d’autore non è una tassa”. Vuole far pagare ai produttori di smartphone un diritto d’autore sui contenuti che vengono scaricati? “Si, un diritto d’autore che non peserà sui consumatori ma rappresenterà un minor guadagno per i produttori”, ha spiegato Paoli a ‘Un Giorno da Pecora’. (ITALPRESS 18 marzo 2014).

Gino Paoli (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Diritti tv del calcio: giornate decisive, Agcm chiede spiegazioni a Mediapro

Il contratto degli Enti locali apre al ‘giornalista pubblico’. Fnsi: risultato importante

Blitz di Forza Nuova negli studi televisivi di La7