Approvata dal Parlamento Europeo la proposta di riforma delle telecomunicazioni

E’ stata approvata dal Parlamento Europeo la proposta di riforma delle telecomunicazioni del commissario per l’agenda digitale, Neelie Kroes. Il pacchetto normativo  – spiega il Punto Informatico – prevede la fine dell’applicazione delle tariffe di roaming a partire da 15 dicembre 2015, il conferimento alla Commissione Ue di poteri di controllo sull’allocazione delle frequenze da parte dei governi, nonché norme sulla net neutrality, tra cui principalmente il divieto alle imprese di telecomunicazioni di bloccare o rallentare la connessione a certi servizi o applicazioni nei confronti dei concorrenti. I clienti pagheranno così, ovunque si trovino all’interno dell’Ue, lo stesso prezzo per chiamate, internet ed sms che pagherebbero nel proprio Paese.

Ora manca solo la votazione plenaria del Parlamento Europeo, prevista per il 3 aprile, mentre i singoli Stati sono impegnati a discutere l’adozione delle disposizioni. La normativa dovrebbe essere adottata entro fine 2014.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Thompson (Nyt) giudica gli Ott: Google creativo, Fb complicato, Tw migliora ma sui social poca trasparenza

Inpgi contro Unci. Galimberti: intimidatoria richiesta danni dell’istituto a 14 cronisti

Nasce la Serie Bkt. Il produttore di pneumatici off-highway title sponsor del campionato cadetto