21 marzo 2014 | 10:20

‘Quando c’era Berlinguer’: ieri a Roma la prima del film di Veltroni. Una serata-evento Sky con politici e media

C’erano politici, il presidente della Repubblica circondato da mezzo governo, sindacalisti, politici del centro destra, ex comunisti ma soprattutto una gran quantità di giornalisti e di gente della televisione alla prima di ‘Quando c’era Berlinguer’, il film di Walter Veltroni organizzata ieri sera all’Auditorium di Roma. Un bel film documentario prodotto da Sky Italia e realizzato dalla Palomar di Carlo degli Esposti. Sky ha saputo trasformare la serata in un vero evento con cui ha sottolineato il suo ruolo di protagonista fondamentale della scena mediatica, a dimostrare come un gruppo indipendente può muoversi disinvoltamente anche in contesti dove protagonista è la politica.

Bianca Berlinguer con il marito Luigi Manconi (foto Olycom)

Bianca Berlinguer con il marito Luigi Manconi (foto Olycom)

Un film che in un Paese diverso ce lo saremmo aspettati dal servizio pubblico ma impensabile per la Rai ancora prigioniera della lottizzazione partitica. La Rai che ieri sera era presente in sala con il presidente Anna Maria Tarantola, il direttore generale Luigi Gubitosi, il direttore di Raiuno, Bruno Vespa, Mario Orfeo, Giovanni Floris, Pippo Baudo, Renzo Arbore, Mara Venier, giornalisti e funzionari di area Pd. E naturalmente Bianca Berlinguer, il direttore del Tg3, bravissima nel ricordare il padre nelle testimonianze che scandiscono il ricco racconto di documentazione storica che è il film.

Eugenio Scalfari con la moglie Serena Rossetti

Eugenio Scalfari con la moglie Serena Rossetti (foto Olycom)

Grande presenza della carta stampata con il gruppo Espresso al gran completo con Eugenio Scalfari (anche lui nel film tra i testimoni), Ezio Mauro, Bruno Manfellotto, Lucia Annunziata, Giannini, e anche  ex come Franco Recanatesi e Mino Fuccillo. Per il Corriere Antonio Polito, Aldo Cazzullo, Maria Teresa Meli, Pigi Battista. Roberto Napoletano, direttore del Sole, e Giovanni Minoli, star di Radio24. Naturalmente il direttore  dell’Unità, Luca Landò. E l’esperto del Pd del Foglio Claudio Cerasa, e molti altri ancora. Tutti sistemati con grande sapienza diplomatica per gerarchie di ruoli e testate.