L’editoria specializzata dalla carta al web: in anteprima i risultati del Digital Outlook di Anes (SLIDE)

Oggi, 21 marzo 2014, l’Assemblea generale degli editori Anes, Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata, farà il punto sullo stato e le prospettive del settore ed eleggerà la nuova giunta per il biennio 2014-2015.

Il presidente Antonio Greco, oltre ad illustrare le iniziative, le opportunità ed i nuovi servizi proposti dall’Associazione nei primi dodici mesi del suo mandato, annuncerà le quattro sfide che l’Associazione deve ora affrontare: adeguare le competenze per affrontare il portfolio turn around, aprirsi a nuovi soggetti/mercati, tutelare la proprietà intellettuale e passare dalla rappresentanza all’erogazione di servizi.

La parte pubblica dell’Assemblea si focalizzerà invece sui risultati – presentati dal presidente della nuova Sezione Anes Digital, Carlo Latorre – di Anes Digital Outlook, osservatorio sui media digitali specializzati realizzato all’interno dell’Associazione, che ha censito 531 prodotti digitali riferibili a 27 settori merceologici, da cui emergono interessanti evidenze:

– oltre la metà degli editori ha investito nel digitale nel 2013 una quota superiore al 5% del fatturato, e la metà di chi ha investito si dichiara soddisfatta della decisione; sei editori su dieci hanno lanciato nuovi prodotti nel corso dell’anno;
– solo il 10% degli editori non utilizza i social media (contro il 62% del 2010); Facebook il più utilizzato, un editore su due usa anche Twitter e LinkedIn. I social media sono utilizzati in prevalenza per la promozione dei contenuti e l’engagement dei lettori, non sempre con il successo auspicato;
– sette editori su dieci hanno sviluppato o svilupperanno a breve contenuti specifici ottimizzati per dispositivi mobili.

Scarica il pdf con tutti i risultati dell’Anes Digital Outlook

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nel 2017 a Facebook e Google sono andati più del 60% degli investimenti per l’adv online. Alle due compagnie tech 1 dollaro su 4 di quanto speso in pubblicità (INFOGRAFICA)

La televisione è il mezzo più convincente quando si tratta di pubblicità. Più della stampa e dei social network. I millennials sono la generazione più facile da persuadere (INFOGRAFICHE)

Anche nei prossimi due anni Rai, Mediaset e Sky si spartiranno il 90% del mercato tv ma i tematici guadagnano posizioni. Lo dice il rapporto ITMedia Consulting 2017-2019 (TABELLA)