Altro che cpc o cpm. Gli editori specializzati devono vendere banner a tempo

Altro che cpc, cpm, cpl, cpo, cps o cpt. La maggior parte delle case editrici specializzate per sopravvivere sul web devono ricorrere alla vendita a tempo della pubblicità. Lo dice il ‘Digital outlook‘ presentato dall’Anes, l’Associazione nazionale editoria periodica specializzata. Evidentemente le modalità di vendita dell’advertising digitale legate alle performance – imposte da gran parte delle concessionarie – sono profittevoli solo per i grandi gruppi editoriali e per quei big della Rete che riescono a catalizzare quantità enormi di traffico.
Guarda le slide del Digital Outlook Anes

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Casalino ‘chiude’ il Foglio ed esplode la polemica. Cerasa ironico lancia campagna abbonamenti (codice promo ROCCO)

Svelato il nuovo manifesto del Gp d’Italia di Formula1. Sticchi Damiani (Aci): fusione tra tradizione e innovazione

Il Foglio risponde a Casalino con un abbonamento “anticasta”. Sconti del 20% per chi inserisce il codice ROCCO