27 marzo 2014 | 15:23

Mondadori: nel 2013 perdita di 185 milioni con le svalutazioni, ricavi a -9,9%

Nel 2013 Mondadori registra una perdita netta consolidata di 185,4 milioni, dopo i 166 milioni di rosso segnati nel 2012, ancora per forti svalutazioni. I ricavi scendono del 9,9% a 1.275,8 milioni rispetto ai precedenti 1.416,1 milioni. Il debito sale a 363,2 milioni contro i 267,6 di fine 2012, mentre sono superiori alle stime le performance nei primi mesi del 2014. Lo comunica il gruppo in una nota.

Nuove linee guida del piano al 2016: a fine periodo è previsto un margine operativo lordo consolidato superiore ai 100 milioni di euro.

La capogruppo Arnoldo Mondadori Editore per il 2013 segna una perdita di 315 milioni contro i 39 milioni dell’anno precedente, soprattutto “per il processo di verifica del valore recuperabile delle partecipazioni controllate e collegate ha portato per il secondo anno consecutivo all’iscrizione di ‘impairment loss’ particolarmente significative, complessivamente pari a circa 275 milioni”, scrive Mondadori nella nota.

Nel 2013 i ricavi di Mondadori Pubblicità sono stati di 141,6 milioni, in calo del 18,1% rispetto ai 172,9 milioni di euro del 2012.

Scarica qui il comunicato stampa con tutti i risultati al 31 dicembre 2013 (.pdf)

Ernesto Mauri e Marina Berlusconi, ad e presidente di Mondadori (foto-Olycom)

Ernesto Mauri e Marina Berlusconi, rispettivamente ad e presidente di Mondadori (foto-Olycom)