New media

27 marzo 2014 | 15:26

Il 30% degli italiani è uno ‘smartshopper’. Nielsen: una nuova specie di consumatori reagisce alla recessione diventando ‘esi-intelligenti’

L’attitudine del consumatore moderno italiano ad adattarsi e reagire al difficile contesto economico sta facendo evolvere il consumatore stesso verso una nuova “specie”. Un recente studio condotto da Nielsen intitolato Dallo smartphone allo smartshopper’, presentato oggi dal nuovo amministratore delegato Giovanni Fantasia,  ha rivelato che il 30% degli italiani sta reagendo alla recessione sviluppando alcune caratteristiche – chiamiamoli ”anticorpi” – tali da renderli dei veri e propri “smartshopper”.

La caratteristica di questa nuova specie di consumatori, secondo Nielsen,  è la duplice natura che li rende “esi-intelligenti”:

• Esigenti nella costante ricerca del rapporto qualità – prezzo e soprattutto nella richiesta di nuove modalità di coinvolgimento (engagement) come personalizzazione, geolocalizzazione, gamification dei processi di loyalty (fidelizzazione della clientela attraverso giochi e contest premianti sviluppati su piattaforme web based) e una di shopping exprerience multicanale dentro e fuori dal punto di vendita
• Intelligenti grazie alla capacità di sfruttare al meglio tutte le informazioni messe a disposizione dalle nuove tecnologie mobile

Il comune denominatore di questa trasformazione, tuttora in atto, è sotto gli occhi di tutti: negli ultimi anni, con cadenza annuale, sono stati lanciati siti web e piattaforme “social” che raccolgono diversi milioni di utenti (Facebook nel 2004, Youtube nel 2005, Twitter nel 2006), modificando per sempre la condivisione di informazioni tra le persone e il rapporto tra aziende e clienti, che in passato era sempre stato unidirezionale. La diffusione di massa dei device mobile (smartphone e tablet) ha amplificato il fenomeno innescando un vero e proprio effetto domino.
Proprio a fronte di queste nuove opportunità, osserviamo l’evoluzione di un consumatore sempre più “smart” e capace di sopperire a limitati budget di spesa e minor tempo libero con più informazioni e connettività nel processo d’acquisto. Di fatto, gli smartphone consentono di svincolare dalle scrivanie di casa e uffici la fruizione di internet dando la possibilità a tutti di rimanere sempre connessi in qualsiasi contesto all’interno della giornata. Non solo, gli smartphone hanno abbattuto la barriera tra ambiente digitale e punto vendita fisico, diventando lo strumento chiave della consumer journey.
Per questo motivo è logico aspettarsi che retailer e produttori promuovano un attento ripensamento delle proprie logiche per la gestione delle Customer Relationship e l’implementazione di strategie di mobile marketing finalizzate a premiare i comportamenti virtuosi dei consumatori nei confronti dei brand, offrendo esperienze d’acquisto a valore aggiunto.
Il valore aggiunto è l’impatto delle tecnologie digitali sul processo d’acquisto, definibile attrarverso 5 variabili chiave:
• livello di internet nella ricerca delle informazioni
• Propensione all’interazione online fra pari
• Propensione all’interazione online con le aziende
• Propensione all’utilizzo delle informazioni raccolte in mobilità
• Propensione all’e-commerce

I profili dello smart shopper (slide 11 e 12)
Il professionista della spesa: lo shopper esigente (8,4 milioni di italiani)
Profilo psicografico
• Persone estroverse ma solide e razionali
• Curiosi, amanti di novità, innovazione e tecnologia
• Fruitori di internet ma anche appassionati di bricolage, libri e attività culturali in genere
• Il loro processo d’acquisto è ben strutturato e alla ricerca della convenienza

I cacciatori di occasioni: lo shopper intelligente (9,7 milioni di italiani)
Profilo psicografico
• Sperimentatori, alla ricerca di avventura e divertimento e fruitori dei device tecnologici più recenti
• Persone eclettiche dai molteplici interessi: passano molto tempo fuori casa e viaggiano spesso all’estero
• Il loro processo d’acquisto è strutturato in base alla forte richiesta di informazioni: la ricerca della “smart choice” si accompagna a una elevata disponibilità a spendere

 

Scarica o visualizza lo studio Nielsen Dallo smartphone allo smartshopper’