Apple: accordo per i rimborsi per le app acquistate senza consenso

(ANSA) Apple avrà fino al 15 aprile per notificare ai suoi clienti come ottenere i rimborsi per gli addebiti di acquisti effettuati dai figli senza consenso. Lo afferma – riporta l’agenzia Bloomberg – la Federal Trade Commission (Ftc) concedendo il via libera definitivo all’accordo, annunciato lo scorso gennaio, fra Apple e l’antitrust americana, con il quale Cupertino si impegna a pagare 32,5 milioni di dollari per risolvere l’accusa di addebiti per acquisti effettuati senza consenso di genitori. Apple era infatti accusata di non aver propriamente comunicato ai clienti, soprattutto genitori, che una volta immessa la password si apre automaticamente una finestra di 15 minuti durante la quale sono ammessi acquisti senza limiti dall’App Store. Finestra della quale molti bambini hanno approfittato senza avvertire i genitori che, ignari, si sono poi visti addebitare costi non approvati. (ANSA, 27 marzo 2014).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Media One partner di Ad Moving per le pubblicità sulle Autostrade per l’Italia

Inrete verso la Borsa. Per il ‘Financial Times’ è una delle società europee più innovative

Il 4° rapporto Agi Censis mette a tema l’essere digitale nella società della conversazione