03 aprile 2014 | 15:49

Compensi ai freelance: l’Odg attiva i Consigli territoriali di disciplina

L’esecutivo dell’Ordine dei giornalisti ha deciso all’unanimità di trasmettere agli Ordini regionali le copie dei contratti di collaborazione dei quali è entrato in possesso, chiedendo che, ai sensi della Carta di Firenze, vengano attivati i Consigli territoriali di disciplina. I direttori e la catena di comando delle testate – si legge in una nota dell’Odg – dovranno spiegare come possono permettere che i collaboratori vengano retribuiti con pochi euro (o meno) ad articolo.

L’iniziativa dell’esecutivo dell’Ordine – spiega la nota – punta a superare una difficoltà che era emersa: l’acquisizione delle prove. Si chiedeva, sostanzialmente, ai giornalisti sfruttati di fare anche gli eroi, segnalando personalmente quanto sono costretti a subire. Era come pretendere da loro il ‘suicidio’ professionale.

L’esecutivo dell’Odg si fa ora garante dell’autenticità di quei contratti, che verranno trasmessi assicurando la riservatezza sull’identità del collaboratore. I Consigli territoriali di disciplina – conclude la nota – faranno doverosamente le loro indagini sui documenti che riceveranno e trarranno conclusioni che saranno pubbliche.

Enzo Iacopino, presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, il 9 marzo scorso aveva lanciato una sorta di rubrica a puntate su Facebook dal titolo ‘Compensi: Facciamo verità’ dedicata proprio alla spinosa questione dei tariffari dei freelance.