Editoria

07 aprile 2014 | 10:38

68 milioni di contributi illeciti all’editoria. La Guardia di Finanza indaga su 11 società editrici di 13 testate

(TMNews) Oltre 34 milioni di euro di omesso versamento del canone di concessione da parte delle imprese radiotelevisive; 39 emittenti segnalate per 433 violazioni in trasmissioni nocive ai minori; più di 68 milioni di contributi pubblici per il sostegno all’editoria percepiti illecitamente.
Sono questi i principali risultati ottenuti dal nucleo speciale per la radiodiffusione e l’editoria, reparto della Guardia di Finanza nell’anno 2013 344.

Tra i controlli più significativi svolti nel 2013, condotti in stretta collaborazione con lAgCom, vanno segnalati in particolare l’operazione “tv Fee”: omesso versamento del canone di concessione da parte delle imprese radiotelevisive, nella misura dell’1% sul fatturato riferibile all’attività di radiodiffusione. Sono stati conclusi 35 accertamenti che hanno permesso di rilevare la sottrazione di una base di calcolo imponibile per oltre 34 milioni di euro, cui è seguita anche la segnalazione ai Reparti Territoriali di 10 evasori fiscali;

L’operazione “User Protection”: tutela degli utenti e dei minori nella programmazione radiotelevisiva; 39 emittenti segnalate per 433 violazioni riscontrate per trasmissioni nocive ai minori, interruzioni pubblicitarie e programmi di cartomanzia, lotto e lotterie, cui si aggiunge la denuncia all’A.G. di un soggetto responsabile di reati contro la moralità pubblica e la credulità popolare;

L’operazioni “Free Press”, “Money on Newspapers”, “Grey News”: accesso ai contributi pubblici per il sostegno all’editoria. E’ stata rilevata, per 11 società editrici di 13 testate, la presenza di posizioni di collegamento e/o controllo tra società richiedenti i contributi. Sono stati accertati oltre 68 milioni di contributi illecitamente percepiti, di cui circa la metà è stata sottoposta a sequestro preventivo per equivalente, con il deferimento all’A.G. di 28 soggetti, di cui 17 persone fisiche ed 11 giuridiche. (TMNews 7 aprile 2013)