Agi: nuovo accordo Italia-Cina con l’agenzia Xinhua

Una collaborazione in ambito giornalistico per la condivisione di notizie, competenze ed esperienze sui processi e i rapporti commerciali e culturali tra Italia e Cina, oltre all’organizzazione congiunta di eventi e attività di formazione in ambito di comunicazione. E’ questo il contenuto dell’accordo sottoscritto ieri dall’amministratore delegato di Agi, Gianni Di Giovanni, e da Chaowen Wang, il direttore di Xinhua Europe bureau nel nuovo ‘Memorandum of Understanding’.

Gianni Di Giovanni

Gianni Di Giovanni

“Agi ha da tempo intrapreso un percorso di espansione internazionale focalizzato sulle aree geopolitiche strategiche del mondo”, ha detto Di Giovanni nel corso di un incontro bilaterale presso la sede centrale dell’Agi a Roma. “Siamo fermamente convinti che l’Asia, e la Cina in particolare, siano le principali priorità. Affrontare questa sfida significa disegnare un futuro di efficienza e eccellenza: i nostri Paesi saranno un reale banco di prova per questo percorso”.

Per l’Agenzia Italia, ha inoltre spiegato l’amministratore delegato, la strategia messa in campo a partire da questo 2014, e per i prossimi tre anni, si chiama anche innovazione; un obiettivo che impone scelte importanti soprattutto in termini di approccio culturale. “Siamo certi che il mercato dell’informazione asiatico, e certamente quello cinese, saprà apprezzare il nostro sforzo e la nostra lungimiranza”, ha detto.

“La collaborazione biunivoca tra Xinhua e Agi deve e può andare avanti e svilupparsi su più livelli per affrontare le sfide poste dai new media ai mezzi di informazioni tradizionali”, ha aggiunto Chaowen Wang. “Possiamo potenziare la cooperazione sviluppando tra l’altro un notiziario economico, finanziario ed energetico che riguardi i paesi d’interesse per le due agenzie”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione

Selfie mortali, dal 2011 al 2017 259 decessi legati alla ricerca dello scatto perfetto