Televisione

14 aprile 2014 | 16:51

Wertmuller e Elio-Rossini lanciano l’ultra Hd 4K

(ANSA) -Roma, Napoli, Venezia ….in un crescendo rossiniano come non l’avete mai viste, in tv. Wertmuller e Elio lanciano l’ultra Hd 4K. La regista romana ha girato un documentario con la nuova tecnologia “4K” che assicura di superare i limiti dell’attuale definizione televisiva. Nelle vesti di attore protagonista, un insolito Elio nei panni di Rossini, accompagnato da Giuliana De Sio nei panni di Isabella Colbran, moglie del grande compositore pesarese. Le belle immagini delle città italiane sono anche arricchite con riproduzioni di quadri d’epoca in risoluzione Ultra HD. ”Una provocazione? Io mi cibo di provocazioni – racconta la regista romana classe 1928 – Tanti anni fa all’inizio della mia carriera passeggiando sul lungomare con il mio amico Federico Fellini gli chiesi un consiglio, ero preoccupata per un film, lui mi disse ‘Lina tu devi ogni volta limitarti a fare una semplice cosa, ogni volta racconta una storia come se ti trovassi in un bar a parlare a un gruppo di amici”’. Un documentario in tecnologia Ultra HD 4k sulle bellezze artistiche e culturali di tre grandi città d’arte italiane, prodotto dalla Direzione Strategie Tecnologiche Rai in collaborazione con Eutelsat. Il progetto che ha lo scopo di sperimentare le tecnologie di ripresa nell’innovativo standard televisivo 4k che prevede una definizione di immagine pari a quattro volte quella dell’attuale Alta Definizione. È uno standard innovativo in grado di portare su schermi televisivi sempre più grandi la qualità del Cinema Digitale. Il documentario “Roma, Napoli, Venezia&hellip in un crescendo rossiniano” è ambientato in queste tre grandi città d’arte italiane che, attraversate in carrozza ed in gondola dal celebre musicista Gioachino Rossini, svelano come la Cultura e la Musica del passato siano sempre vive e risonanti nel presente. “L’iniziativa si inquadra nel percorso di innovazione tecnologica che il Vertice Rai ha posto tra gli obiettivi prioritari dell’Azienda e nell’attività di sperimentazione tecnologica di nuovi sistemi di ripresa con contenuti d’autore”, dichiara il Direttore Strategie Tecnologiche Rai, Luigi Rocchi. L’AD di Eutelsat Italia, Renato Farina, conferma che “Eutelsat continuerà a mettere in campo l’esperienza e le risorse per favorire l’evoluzione dell’Ultra HD ad ogni livello della catena di produzione e trasmissione. Dopo aver lanciato il primo canale europeo in Ultra HD via satellite, a gennaio 2013, abbiamo collaborato con i principali player del settore per supportare il 4K. La nostra partnership con Rai riflette questa strategia e arricchisce la library dei contenuti con un’opera eccezionale, offrendo agli spettatori un’esperienza di visione totalmente immersiva”. ”Confesso – spiega Giuliana de Sio che con la regista romana ed Elio aveva già recitato in Storia d’amore e d’anarchia – che inizialmente quando mi proposero questo progetto dell’Ultra HD 4k ero molto preoccupata: ho subito pensato alle rughe in alta definizione…poi quando ho visto il risultato mi sono commossa credo dovrebbero vederlo tutti soprattutto i ragazzi. E’ importante”. In attesa la tecnologia ultra hd 4k sia accessibile in tutte le case, prossimamente il documentario prossimamente sarà convertito e mandato in onda sui canai Rai Hd. (ANSA, 14 aprile 2014)

Lina Wertmuller

Lina Wertmuller