Turchia, i social network aprano uffici di rappresentanza

(AGI) Il governo turco esige dalle compagnie che gestiscono social network operanti nel Paese l’apertura di uffici di rappresentanza sul territorio nazionale: lo ha reso noto il ministro delle Finanze, Mehmet Simsek, a margine di un incontro con emissari di Twitter finalizzato a risolvere la disputa che oppone la compagnia americana di micro-blogging, oltre a diverse altre, alle autorita’ di Ankara. Il 20 marzo scorso Twitter era stato oscurato in Turchia, tornando non senza difficolta’ on-line soltanto all’inizio di aprile per ordine della Corte Suprema. La settimana scorsa il premier Recep Tayyip Erdogan lo ha accusato di evadere il fisco e ha minacciato nuovi provvedimenti, anche nei confronti di Facebook e YouTube. Quest’ultimo resta tuttora bloccato, malgrado il 9 aprile un tribunale di rango inferiore si fosse pronunciato contro l’oscuramento. (AGI, 15 aprile 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Duecento testate Usa protestano per la campagna di Trump contro i media “nemici del popolo”

Calcio in diretta social: la Lega Pro sperimenta una partita di Coppa Italia in diretta Facebook e Twitter

Juventus Tv, rinasce sul web con un canale on-demand