16 aprile 2014 | 11:02

Hearst Magazines Italia: firmato il terzo decreto semestrale per la cassa integrazione e i prepensionamenti

È arrivato il 14 aprile il terzo decreto semestrale per la cassa integrazione e i prepensionamenti alla Hearst Magazines Italia. Lo scrive il sito di Franco Abruzzo, secondo il quale la firma ministeriale conferma e proroga la riorganizzazione aziendale in stato di crisi partita a giugno del 2012, accertata e concessa fino al giugno 2014 con il primo decreto, emesso il 22 marzo 2013 con il numero 72055. Lo stesso decreto dello scorso anno che aveva già autorizzato tutti gli otto prepensionamenti richiesti nei due anni, dopo che il ministero del Lavoro aveva verificato la disponibilità dei fondi.

Come spiega Abruzzo, i giornalisti di Hearst che hanno preferito restare in cigs in attesa del decreto semestrale invece di dimettersi ai soli fini di prepensionamento, quindi con riserva di rientro, dovranno decidere se presentare o meno domanda di pensionamento anticipato all’Inpgi, che inizierà eventualmente a versare l’assegno mensile dal mese successivo alla richiesta. Al contrario – continua Abruzzo – i giornalisti di altre case editrici, che in situazioni analoghe si sono appunto dimessi con un solo passaggio tecnico in cigs, alla firma del decreto hanno ricevuto gli arretrati di pensione dal momento della presentazione della domanda.