Slate lancia l’abbonamento ispirato ad Amazon Prime

Il magazine online Slate ha annunciato ieri un nuovo modello di abbonamento che – precisa – non è un paywall. Si chiama Slate Plus, rende disponibile gratuitamente la maggior parte dei contenuti ed offre agli abbonati dei ‘bonus’ aggiuntivi come una chat online con i giornalisti, sconti o posti speciali agli eventi di Slate e l’anteprima di alcuni articoli. Il costo è di 5 dollari al mese o 50 dollari all’anno.

David Plotz (foto Wikipedia)

David Plotz (foto Wikipedia)

“Non è un paywall”, sottolinea in un post il direttore David Plotz. “Il nostro modello è Amazon Prime, che continua ad aggiungere benefit per gli iscritti”, dice. Amazon Prime, lanciato come programma di membership che offriva la spedizione gratuita per la maggior parte degli ordini attraverso una tariffa flat annuale, ha aggiunto poi nuove funzionalità tra cui lo streaming video e una biblioteca di e-book, aumentando il prezzo solo una volta in nove anni.

“Mentre la pubblicità rimane centrale per il nostro successo”, continua Plotz, “pensiamo che sarebbe meglio se fossimo meno dipendenti da essa. Riteniamo che sia importante garantire ai lettori anche una partecipazione nel giornalismo in cui credono”.

Fonte: WashingtonPost.com

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram