Scelte del mese

24 aprile 2014 | 10:03

Fnsi e Fieg – Una soluzione per l’ex Fissa

Il fondo istituito nel 1985 per assorbire le indennità di mancato preavviso è prosciugato e i tempi di attesa per vederselo pagare rischiano di diventare biblici. Al tavolo delle trattative per il contratto nazionale dei giornalisti molti editori vorrebbero abolirlo, ma sembra sia arrivata una mediazione.

Franco Siddi, segretario Fnsi

Franco Siddi, segretario Fnsi

Per arrivare alla conclusione della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale dei giornalisti ci sono almeno due grossi scogli da superare: il rapporto con il lavoro autonomo, i collaboratori, e il destino della cosiddetta ex Fissa. Anche se, proprio su quest’ultimo punto le parti si sono di parecchio avvicinate a una soluzione che riguarda un tema molto intricato.
Innanzitutto, pochi esattamente sanno che cosa sia la ex Fissa. È un fondo gestito dall’Inpgi, l’istituto di previdenza dei giornalisti italiani, che viene alimentato dalle aziende con una quota pari all’1,50% della retribuzione mensile ed è erogato al momento del pensionamento, come prestazione previdenziale, sotto forma di rendita o in capitale (la totale maggioranza dei giornalisti in questi anni ha preferito la formula ‘tutto e subito’).

L’articolo integrale è sul mensile Prima Comunicazione n. 449 – Aprile 2014