Usigrai: l’8 maggio assemblea aperta contro i tagli del governo

(ANSA) L’Usigrai si mobilita contro il recente decreto del governo – con il taglio imposto di 150 milioni di euro, l’apertura alla riduzione della presenza sul territorio, l’ipotesi di vendita delle torri di trasmissione – che – spiega in una nota – “mette in ginocchio il servizio pubblico, senza colpire l’evasione”. L’Usigrai ha così deciso di convocare un’assemblea aperta per giovedì 8 maggio alle ore 14.30 all’Hotel Regent di Roma. L’assemblea – prosegue la nota – “sarà l’occasione per avanzare proposte. Una occasione per raccontare le ragioni del servizio pubblico. Una occasione per costruire il futuro. Perché #Rai2016 deve nascere dall’ascolto, da un ampio dibattito pubblico. Esattamente come avviene per la Royal Charter della Bbc”. Hanno già aderito il segretario della Fnsi Franco Siddi, il presidente della Casagit Daniele Cerrato, il presidente dell’Inpgi Andrea Camporese, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Enzo Iacopino, l’AdRai, il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti, l’associazione Lettera 22. Tra le prime adesioni anche la Tavola della Pace e le associazioni che hanno lanciato il concorso per la nuova “Carta d’identità della Rai”. (ANSA, 28 aprile 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi