Confalonieri (Mediaset): “Dai colossi internet una forma di neocolonialismo”

(ANSA) “I colossi multimediali, gli operatori di internet” producono ricchezza in Italia ma “la si porta altrove e non si pagano le tasse: a noi questa sembra una forma di neocolonialismo”. Lo afferma il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri aggiungendo che “esiste un tema di tassazione per cui Google, Facebook e Amazon generano utili in Italia ma non pagano qui le tasse”. Secondo Confalonieri l’obiettivo della web tax “era giusto: colpire forme moderne ma non per questo meno odiose di evasione”.  ”La stessa Agcom ha dovuto vedersela con dei demagoghi pro internet e con molta fatica ha partorito – aggiunge Confalonieri – un coraggioso regolamento sul diritto d’autore già oggetto di numerosi e interessati ricorsi: qui voglio chiarire che la libertà della rete non è in questione, è un valore anche per noi” ma ”si minaccia seriamente il nostro modello di business, che è basato su due pilastri: il diritto d’autore e le esclusive sui contenuti”. ”Alla fine, detto in modo brutale, o noi o loro: o – dice il presidente Mediaset – i nostri e per nostri intendo italiani, autori, registi, produttori, per citare solo una delle filiere interessate. O i loro. E non voglio scomodare qui la dimensione culturale europea: mi basta fermarmi all’aspetto economico” conclude Confalonieri. (ANSA, 29 aprile 2014)

Fedele Confalonieri (foto Olycom)

Fedele Confalonieri (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi